Musica | Teatro

Compagnia Cidda Infuso

Piano Forte Forte

Trisonata per corpo femminile e pianoforte

di Valentina Cidda e Valentino Infuso
con Valentina Cidda
regia Valentino Infuso
- ROMA -
Teatro Verona
La vita - la nascita, l’infanzia, le persone, le dinamiche dell’individuo - visti attraverso un sensuale e intenso dialogo tra una donna e il suo pianoforte, dove si superano i confini tra umano e strumentale.

Uno spettacolo che tutte le donne dovrebbero vedere…
…che tutti gli uomini devono vedere.

\

Una favola dark. Rude e delicata, spietata e amorevole, un segreto di liberazione, un affresco intimo e spudorato sull’animo umano. In scena, una donna e un pianoforte. E basta. Pianoforte vissuto, attraversato, suonato con le mani, i piedi, l’anima…Pianoforte penetrato, abitato, logorato dal sangue e dal sudore, in ogni parola, ogni gesto, ogni nota… fino a non sapere più chi sta suonando chi… fino a non sapere come mai anche i silenzi emettono un suono tanto pieno e tanto vivo… nell’esasperata ricerca della posizione giusta per…

Un’opera teatrale perfettamente compiuta che ti ferisce e ti accarezza, fusione ed equilibrio fra vena drammatica e comica, che arriva a vertici inaspettati e travolgenti in un turbinio di emozioni, il tutto impreziosito da momenti di grande virtuosismo interpretativo e brillantezza musicale. Uno spettacolo capace di coniugare con grande sensibilità artistica parole, musiche e movimento in un racconto intenso, sconvolgente. Tutto questo è PFF – Trisonata per corpo femminile e pianoforte, scritto e diretto da Valentino Infuso, con Valentina Cidda, che ne compone anche le musiche originali. PFF, pronunciato con la f prolungata, come un lungo sospiro che contiene ogni sfumatura emotiva, dal pianto al sollievo, dalla fatica alla resa, dalla disperazione alla speranza, dall’ illusione al disincanto, dalla dolcezza al dolore, dall’inizio alla fine, dalla fine ad un nuovo inizio…è il racconto di una donna, è la storia di una vita, narrata per narrare tante vite…narrata per parlare a tutti, donne e uomini.
PFF è una favola tenebrosa e delicata, rude e dolcissima, spietata e amorevole…uuna favola i cui personaggi prendono vita plasmati dall’invisibile ad ogni istante, dove tutto è all’ultimo fiato, senza tregua, dove la storia di una vita si fa tessuto intrecciato di dolore e bellezza, un segreto di liberazione, un affresco intimo e profondissimo sull’anima umana…
“PFF – Trisonata per corpo femminile e Pianoforte” è un opera alchemica, e, come tale, drammaturgicamente si compone appunto, di “tre sonate” che insieme incarnano una sinfonia complessa, coraggiosa, sfrontata. Tre parti, tre fasi dell’esistenza, i tre stadi di mutamento dal piombo esistenziale alla ricerca dell’oro che siamo e possiamo Essere… Nella prima sonata, “Origini” (del male), si narra la nascita, “la caduta dell’angelo”, l’inizio del viaggio terrestre di una piccola donna che comincia a poco a poco ad essere piegata, logorata, congelata, dalle grandi bugie del mondo degli “adulti”: le aspettative, il giudizio, l’inganno, la prima violenza, la vergogna, la fuga da se stessi, lo smarrimento, la paura, il senso di colpa, la ricerca disperata di un respiro d’amore autentico che manca, manca sempre, manca ovunque, manca da sempre, …

La seconda sonata, “Inferno”, si apre con l’avvio verso la vita da “signorina”, e percorre, attraverso i passaggi del diventare donna, gli schemi che, dal primo germe di dolore originario, vanno a crearsi e ripetersi ostinatamente, sciami di demoni evocati e nutriti costantemente in un anelito inarrestabile di autodistruzione…la tensione alla vita, l’omicidio continuo di ognuno per mano di ognuno, il disincanto, il dolore, la fuga, la rabbia che salva dalla disperazione ma lo fa avvelenando inesorabilmente il cuore…

La terza sonata, è “Guarigione”. La trasformazione. E’ la dissoluzione dell’ego, la fine di ogni pretesa, la consapevolezza incarnata, la responsabilità riconosciuta, l’accoglienza della Bellezza, la resa. E’ un monologo muto, dove il vuoto purifica la parola…e la restituisce scarnificata e leggera, libera e solenne nella sua trasparenza inafferrabile.

PFF è uno spettacolo così perfettamente tessuto da sembrare un essere vivente di per sé, palpitante, bruciante, urgente, divorante e fecondo, fiero, vero.

“Avevo da tempo il sogno di mettere in scena un monologo che raccontasse una Vita, attraverso l’interazione unica con il pianoforte, ma non avrei mai potuto realizzarlo senza la geniale scrittura e la straordinaria, folle, pazzesca regia di Valentino Infuso…” dichiara l’attrice Valentina Cidda.
Il Pianoforte, si fa essere in carne ed ossa, fedele compagno di scena, vissuto, attraversato, suonato e suonato magicamente, con le mani, i piedi, il corpo, l’anima, penetrato, abitato, logorato dal sangue e dal sudore e glorificato dalla pace di una trasformazione che è catarsi reale, nuda, e senza filtri.

Note di Regia e drammaturgia

Scrivere uno spettacolo per corpo (e anima) femminile e pianoforte. Ecco. Una bella scommessa in principio.
Il viaggio di Piano, Forte, Forte, è iniziato così, “semplicemente”, da un “discorso” intorno all’essere umano. Che si tratti di un viaggio nel femminile, questo è un “dettaglio”, è semplicemente un colore, una sfumatura, ma una sfumatura intensa, potente, di quelle che emanano odore proprio, che ha richiesto a me – e lo ha fatto senza mezzi termini – non la comprensione della sensibilità femminile ma l’emersione spudorata del mio femminile profondo. E di questo ringrazio tutte le donne che sono stato nelle vite precedenti. Ogni esperienza raccontata e rivissuta in scena da Valentina, infatti, è stata scritta attraverso la mia Verità, nulla di quello che racconto io in parole e lei in corpo, voce e sudore, è arrivato nelle sue vene senza che sia transitato per le mie, e, contemporaneamente PFF è PFF proprio perché creato e vivente attraverso ciò che Valentina Cidda è, nel corpo, nella voce, nel sentire, nella musica. Nessun altro potrebbe interpretare questo testo ed incarnare questa regia.”

Valentino Infuso

Cidda Infuso

Un incontro intenso e prorompente quello tra Valentina Cidda e Valentino Infuso, due percorsi diversi ma profondamente affini nella dedizione, costante e senza riserve, alla ricerca artistica, alla creazione, al lavoro attoriale, registico e drammaturgico, al tempio sacro della scena e della Vita. Il loro viaggio artistico insieme inizia nel 2014, con lo spettacolo “Ombra – Mishima, l’angelo del nulla”, prodotto dal Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara, con la regia di Valentina Cidda dove Valentino Infuso, selezionato come attore e performer, affianca poi Valentina alla regia dello spettacolo. Da quel momento il loro cammino condiviso si intensifica attraverso una pratica continua diventando una costante nel loro percorso, che porterà, nel 2017, alla creazione di “PFF – Piano Forte Forte – Trisonata per corpo femminile e pianoforte”. Nasce così, ufficialmente la Compagnia Cidda|Infuso. Destabilizzatori, sfrontati, scardinatori, cercatori d’Oro, alchimisti, pirati, avventurieri attraverso le vite e le arti, è un’esplosione l’incontro dei loro mondi espressivi, delle loro menti, del loro potenziale umano e artistico, delle loro sensibilità, diverse ma profondamente affini, della loro creatività coraggiosa e sfrontata, della loro follia. È completamento e sollecitazione continua che apre a nuove terre da esplorare, da profanare e consacrare, profonde e vaste possibilità di ricerca e di sviluppo. Un connubio, quello tra Cidda e Infuso, chiamato costantemente a sconvolgere, penetrare, sedurre, scardinare, rompere, trasformare l’umano scavalcare, devastare e ricostruire al di là di ogni schema, regola, limite o catena. Una scelta di Essere, umana e artistica, aperta alla Visione, alla comunicazione autentica, spudorata, amara e ironica, senza filtri e senza mezzi termini, vibrante tra visibile e invisibile.

Collaborazioni
Tecnico Luci: Giovanni Monzitta
Produzione: Compagnia Cidda/Infuso
Responsabile artistico e pr Lucia Tommasini
Tour Manager Clarissa Ciaccio
Segreteria e Social Media Manager: Federica Perretta
Info e Biglietteria: Paola Notaro
Web & Social Specialist: Silvia Fontana

in calendario

  • ven 22 nov ore 21:15
  • sab 23 nov ore 21:15

Assicurati subito il tuo posto acquistando il biglietto in prevendita o cliccando su Prenota.

Per riduzioni sui biglietti, promozioni e convenzioni si veda la pagina biglietti

Per essere sempre aggiornato su variazioni e novità del calendario, iniziative e promozioni puoi ricevere la newsletter settimanale di modus per email e/o con broadcast whatsapp.
Clicca qui per iscriverti

Attenzione - Le date potrebbero essere solo indicative. Le date potrebbero subire repentini cambiamenti. Si raccomanda di verificare sempre il calendario in prossimità della data di interesse.


L'Evento fa parte del percorso

Sponsor e Partner del Percorso

Con il contributo e il patrocinio di
Comune Verona Pari Opportunità Modus
In collaborazione con
Convergenze Modus Vega modus Verona-Film-Festival-Modus
Con il patrocinio di
consulta-associazioni-femminili-modus-verona
Con il sostegno di
mamelistrasse-verona-modus

Main Sponsor e Partner della Stagione Culturale

Valpolicella Benaco Banca Modus Verona sito
In collaborazione con
Partner Tecnici
Grafiche Aurora MODUS sponsor OFFICIAL-m2app-Modus Verona per sito