Teatro a Verona

Nevio Gambula: ‘In Corpore Vili’ a modus

Nevio Gambula porta in scena a modus sabato 9 (21.15) e domenica 10 (18.00) febbraio 2019 In corpore vili – Storia di un fallimento senza resa.

Nevio Gambula: In corpore vili – Storia di un fallimento senza resa

La ricerca ossessiva, ai limiti della nevrosi, di un pagliaccio alle prese col delirante tentativo di trovare la propria anima.

Nevio Gambula ci parla del suo In Corpore Vili.

  • Nevio, Che cosa farai a modus?

A modus presenterò la mia nuova opera teatrale, dal titolo In Corpore Vili. L’opera nasce dalla lettura di un libro, Il pagliaccio e la filosofia, di Maria Zambrano.
Fin dal primo momento in cui lo lessi, circa tre anni fa, decisi che prima o poi sarei entrato in scena nelle vesti di pagliaccio; finché Andrea Castelletti di Modus mi ha dato l’occasione per farlo.
Ora, nel libro la Zambrano traccia un parallelo tra il pagliaccio e il filosofo: entrambi mettono in crisi la rappresentazione e le maschere sociali. Tutto il discorso poggia su due elementi: il pagliaccio non interpreta un ruolo («si presenta mascherato da se stesso», scrive la Zambrano), allo stesso tempo, però, si sbianca il volto trasformandolo «in un calco della morte» … Il pagliaccio diventa allora colui che si presenta sulla pista da circo per mostrare la propria anima e, allo stesso tempo, per esorcizzare la morte.

  • Perché assistere a In Corpore Vili a modus?

Perché lo spettatore assisterà a un’opera molto particolare, unica nel suo genere. Un’opera intensa, fortemente ancorata a un’idea di teatro dove l’attore è tutto. Gli unici elementi saranno una pista e uno sgabello da circo; niente cambi di luce, niente suoni o musica a sostenere la recitazione: solo l’attore e il suo “canto”. Un’opera abitata da una «ossessione vocale» oscillante tra il canto e la declamazione ritmica, la cui cifra principale sarà il grottesco.

  • A chi è rivolto lo spettacolo?

Ai curiosi, agli amanti del teatro “fuori riga”, a chi ama Samuel Beckett, a chi vuole assaporare il piacere della recitazione, ai poeti della scena, agli aspiranti dissacratori, a chi piace la vocalità, a chi piace sbagliare, a chi odia le convenzioni, a chi vuole assistere alla trasfigurazione di un attore, a chi aspira alla redenzione.

  • Perché hai portato In Corpore Vili proprio a modus?

Perché Andrea Castelletti me lo ha chiesto. E perché lo spazio modus mi piace molto.

  • Quali sono le tue aspettative?

Verificare con lo spettatore la mia idea di teatro. Recitare la mia anima. Sedurre lo spettatore.

Web & Social: Nevio Gambula, In corpore vili – Storia di un fallimento senza resa

Main Sponsor e Partner della Stagione Culturale

Valpolicella Benaco Banca Modus Verona sito
In collaborazione con
Partner Tecnici
Grafiche Aurora MODUS sponsor OFFICIAL-m2app-Modus Verona per sito